Articoli e News

set032020

Omessa dichiarazione: mandato al commercialista non salva il contribuente (Cass. 16469/2020)

Secondo la costante giurisprudenza, l'affidamento ad un professionista dell'incarico di predisporre e presentare la dichiarazione annuale dei redditi non esonera il contribuente dalla responsabilità penale per il delitto di omessa dichiarazione. Tale principio è stato ribadito dalla Corte di Cassazione, con la sentenza n. 16469 del 2020. Sul punto va rammentato che il D.Lgs. n. 74 del 2000, art. 5 punisce, com'è noto, la mancata presentazione della dichiarazione da parte dei soggetti a questa tenuti. Sul punto la Corte, con la recentissima sentenza 9417/2020, ha chiarito che trattandosi...

Omessa dichiarazione: mandato al commercialista non salva il contribuente (Cass. 16469/2020)

set012020

Operazioni sovrafatturate: incompatibili rispetto alle operazioni soggettivamente inesistenti (Cass. 17002/2020)

La Cassazione, con l'ordinanza 17002/2020, torna sul tema delle fatture soggettivamente e oggettivamente inesistenti e ribadisce che la ripresa a tassazione in ipotesi di sovrafatturazione riguarda operazioni commerciali che non sono realmente avvenute, o meglio, che non sono avvenute per la parte maggiorata, alla quale corrisponde un’indebita detrazione IVA. Per questa ragione, tale fattispecie è diversa da una contestazione basata sull'inesistenza solo soggettiva delle operazioni.

Operazioni sovrafatturate: incompatibili rispetto alle operazioni soggettivamente inesistenti (Cass. 17002/2020)

set012020

Un chiarimento da parte dell'Agenzia delle Entrate: la circolare 25/E

Con la circolare n. 25/E del 20 agosto 2020, circolare “multiquesito”, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alle misure di sostegno alle imprese e all’economia, alle norme fiscali e agli interventi in materia di lavoro e politiche sociali, editoria, contenute nel decreto Rilancio. Tra i punti contenuti nel predetto documento, ampio spazio è dedicato alla sospensione delle scadenze relative alla riscossione. Secondo l’agenzia delle Entrate, il Dl Rilancio vieta di notificare atti accertativi e sanzionatori nel corso dell’anno 2020, con eccezioni solo per...

Un chiarimento da parte dell'Agenzia delle Entrate: la circolare 25/E

set012020

Irritualità della notificazione della cartella di pagamento: niente nullità se lo scopo è raggiunto

La CTR Toscana ha ribadito che l'irritualità della notificazione a mezzo PEC della cartella di pagamento non ne comporta la nullità se la consegna in via telematica dell'atto ha prodotto il risultato della sua conoscenza e determinato così il raggiungimento dello scopo legale. (Sul punto: Cass. S.U. 28/09/2018, n. 23620; Cass. S.U. 18/04/2016, n. 7665).

Irritualità della notificazione della cartella di pagamento: niente nullità se lo scopo è raggiunto

ago312020

Spese di pubblicità sostenute nei confronti di ASD e presunzione assoluta di inerenza (Cass. 8540/2020)

I corrispettivi in favore di associazioni sportive dilettantistiche, fino ad un importo annuo complessivamente non superiore ad euro 200.000, non possono essere recuperate a tassazione per mancanza di inerenza, essendovi al riguardo la presunzione assoluta in base alla quale vanno considerate spese di pubblicità ai sensi dell'articolo 90, comma 8 della legge 289 del 2002.

Spese di pubblicità sostenute nei confronti di ASD e presunzione assoluta di inerenza (Cass. 8540/2020)

Archivio